Statuto

 Art. 1) costituzione, durata e sede -  E’ costituita l’Associazione, senza fini di lucro,  denominata “SAMNIA”, con sede in Colle Sannita alla traversa Santa Maria della Libera, 3, essa ha una durata pari ad anni dieci.

 

Art. 2)  scopo -  promuovere, sostenere, incentivare e porre in essere ogni iniziativa affinché nel Sannio si sviluppi un sistema di turismo sostenibile, fondato principalmente sulla cultura del territorio e integrato con le altre sue risorse, quali quelle  agricole, agroalimentari, ambientali, paesaggistiche e sociali.

 

Art. 3) Attività principali – per il raggiungimento dello scopo istituzionale, l’Associazione, nell'esclusivo interesse dei soci, potrà svolgere attività anche di tipo economico purché non lucrativo, tese alla salvaguardia, recupero, promozione e valorizzazione del territorio sannita, in particolare potrà: organizzare gite, visite guidate, manifestazioni ed eventi; svolgere attività editoriale, redazionale e di comunicazione, attraverso anche i sistemi delle muove tecnologie informatiche e telematiche; svolgere attività di ricerca, tutelarne i risultati, i disciplinari e i prodotti con gli strumenti previsti dalla normativa vigente in materia; formare e informare, anche attraverso corsi specifici e convegni dedicati; favorire la realizzazione di reti e filiere che coinvolgano gli operatori del settore; redigere progetti, programmi e proposte di permanenza, studiandone la fattibilità e gestendone l’attuazione;

 

art. 4) attività accessorie - L’Associazione potrà intraprendere tutte le iniziative idonee a favorire l’attuazione dei fini istituzionali, ovvero in via esemplificativa ma non esaustiva potrà: costituire sia comitati che gruppi di lavoro e/o studio; stipulare con i Soci e, se necessario con terzi, ogni opportuno atto o contratto nonché stabilire collaborazioni o partenariati; acquisire, detenere e assumere, direttamente o indirettamente, partecipazioni e interessenze in società o enti di qualsiasi tipo, aventi scopi analoghi a quelli dell’Associazione; amministrare e gestire beni mobili e immobili; svolgere attività pubblicitarie e di marketing; acquisire e cedere, anche su licenza, marchi, brevetti e altri diritti di privativa inerenti l’attività svolta; richiedere finanziamenti ad Enti privati e pubblici di livello locale, nazionale ed europeo e gestire le relative risorse; assumere rapporti con Istituti di credito e/o bancari, per conti correnti, mutui, depositi e qualunque operazione utile; assumere personale, nel rispetto delle forme contrattuali vigenti; svolgere qualsiasi altra attività strumentale, accessoria o connessa agli scopi.

 

Art. 5) patrimonio – L’Associazione non persegue scopi di lucro, pertanto, è esplicitamente vietata l’assegnazione di utili, l’attività sociale si basa su autofinanziamenti, contributi e donazioni di Enti Pubblici e Privati nonché sulla quota sociale annuale, che, per il primo anno, è fissata in €. 20,00, in seguito, sarà determinata dal Consiglio Direttivo; tale quota non è trasmissibile e non potrà essere considerata una rivalutazione di essa. L’Associazione potrà, in via accessoria e in ogni caso marginale, svolgere attività commerciale per il raggiungimento degli scopi sociali.

L’esercizio finanziario coincide con l’anno solare, il relativo rendiconto economico deve informare circa la situazione economica e finanziaria dell’Associazione, con separata indicazione dell’attività commerciale eventualmente posta in essere accanto alle attività istituzionali. Il bilancio sarà depositato presso la sede sociale per essere consultato da ogni associato almeno quindici giorni prima dell’approvazione.

 

Art. 6) Organi sociali – gli organismi istituzionali sono l’Assemblea dei soci, il Consiglio direttivo e il Presidente. Le cariche sociali hanno la durata di tre anni e coloro che le ricoprono, scaduto il mandato, sono rieleggibili.

 

Art. 7) Soci – L’appartenenza all'Associazione è libera, ma impegna gli aderenti al rispetto delle decisioni prese dai suoi Organi Sociali, a rispettare il ruolo assegnato, a svolgere i compiti concordati ed ad assumere un comportamento corretto sia nelle relazioni interne che con terzi; per acquisire la qualifica di socio l’interessato dovrà presentare domanda al Consiglio Direttivo in cui  dichiara di accettare senza riserve le norme statutarie ed esprime il tipo di apporto che vuole dare; il Consiglio avrà facoltà di accettarla o respingerla senza obbligo di rendere nota la motivazione. La qualifica di socio si perderà, a seguito di decisione del Consiglio direttivo, per morosità, per dimissioni, per inadempienza o disinteresse nei confronti dell’attività sociale, per espulsione derivante da contegno contrastante con lo spirito e le finalità dell’Associazione. Il socio che cessi per qualsiasi motivo di far parte dell’Associazione, perde ogni diritto al patrimonio sociale ed ai contributi versati. I soci espulsi potranno ricorrere contro tale provvedimento alla prima assemblea ordinaria che giudicherà definitivamente a maggioranza.

 

Art. 8) Assemblea dei Soci – L’Assemblea dei soci è l’organo sovrano e può prendere tutte le decisioni necessarie per il corretto funzionamento della vita associativa. L’Assemblea è convocata dal Presidente mediante comunicazione inviata tramite lettera raccomandata, ovvero mediante i sistemi informatici, la nota di convocazione dovrà contenere l’ordine del giorno ed essere trasmessa almeno sette giorni prima di quello fissato per l’adunanza. L’Assemblea elegge i membri del Consiglio Direttivo; nomina, qualora necessario, il Revisore; approva il bilancio consuntivo relativo l’anno precedente e quello preventivo dell’anno in corso; approva inoltre il regolamento interno e le modifiche statutarie, proposte dal Consiglio Direttivo. All'Assemblea hanno diritto a partecipare tutti i soci regolarmente iscritti che possono farsi rappresentare, con delega, da altri soci. Ogni socio può rappresentare al massimo due soci. Le deleghe non potranno essere rilasciate a consiglieri e revisori. Le assemblee saranno validamente costituite se è presente la maggioranza dei soci e le deliberazioni sono valide se assunte dalla maggioranza dei presenti, a meno delle modifiche statutarie per le quali è necessaria la presenza almeno dei due terzi degli iscritti e la decisione assunta dai due terzi dei presenti. L’Assemblea Generale potrà essere richiesta motivata da almeno un decimo dei soci.

 

Art.9 Consiglio direttivo - L’Associazione è amministrata da un Consiglio Direttivo composto dal Presidente e da due consiglieri di cui uno assume la funzione di segretario e l’altro di tesoriere. A discrezione dell’Assemblea il numero dei membri del Consiglio Direttivo può essere portato da tre a cinque.  Le cariche sociali non danno diritto ad alcun compenso ad eccezione del rimborso delle spese effettivamente sostenute e debitamente documentate. Il Consiglio Direttivo provvede alla stesura degli atti da sottoporre all'Assemblea; dà esecuzione alle deliberazioni dell’Assemblea; predispone il bilancio preventivo entro il 31 gennaio e quello consuntivo entro il 31 marzo, redige i programmi di attività sociale sulla base delle linee approvate dall'Assemblea; delibera circa la quota sociale; stabilisce le previsioni di spesa; rappresenta le istanze dei soci; vaglia le domande e delibera l’ammissione di nuovi soci; delibera la sospensione o l’espulsione dei soci; decide il luogo delle riunioni dell’Assemblea; redige il regolamento interno la cui osservanza è obbligatoria per tutti i soci; delibera sull'adesione e partecipazione dell’Associazione ad Enti ed Istituzioni Pubbliche e Private. Le deliberazioni si adottano a maggioranza semplice; in caso di parità prevale il voto di chi presiede. Il Consiglio Direttivo si riunisce almeno una volta in un semestre e ogni qualvolta ce ne sia la necessità. Il Consiglio Direttivo potrà convocare l’Assemblea dei soci ogni qualvolta lo riterrà opportuno.

 

Art. 10) Il Presidente – Il Presidente è il legale rappresentante dell’Associazione. A lui spettano la firma e la rappresentanza di fronte a terzi e in giudizio. In caso di sua assenza o impedimento, è sostituito dal Segretario. Il Presidente cura l’esecuzione dei deliberati del Consiglio Direttivo e dell’Assemblea; in caso di urgenza esercita i poteri del Consiglio salvo ratifica da parte di questo alla prima riunione. Il Presidente convoca e presiede l’Assemblea dei soci e il Consiglio Direttivo.

 

Art. 11) Scioglimento – Lo scioglimento dell’Associazione potrà essere deliberato dalla maggioranza dei 2/3 dei soci. In tal caso, il Presidente o un liquidatore incaricato, estinte le obbligazioni in essere, devolverà tutti i beni ad altre Associazioni con finalità analoghe o per finalità di utilità generale.

 

Norma finale

 

 

Per quanto non espressamente contemplato nel presente statuto valgono, in quanto applicabili, le norme del Codice Civile e le disposizioni di Legge vigenti.

Associazione Culturale Samnia - Sede Sociale Traversa Santamaria della Libera Colle Sannita (BN) - CF 92069900626 - Telefono 3455025784